Ott 30, 2018

Cucine moderne di design

Cucine moderne di design: le finiture di tendenza

Il cambiamento di stili di vita o di abitudini non scalfisce il settore cucine, protagoniste indiscusse di fiere ed eventi dedicati alla casa. Spazi funzionali, materiali nobili e in grado di strizzare l’occhio all’estetica sono alla base del design delle cucine moderne. La tendenza è quella di una cucina conviviale che dia continuità al living, un luogo vissuto e allo stesso tempo semplice. Si punta ad un ambiente che possa essere destinato alla socializzazione, uno spazio multifunzionale e con alta possibilità di personalizzazione.

Osservare foto di cucine oniriche online è utile per determinare il gusto, ma l’idea di progettare una cucina da zero può essere travolgente. È complesso: ci sono dozzine di scelte da fare e ancora più opzioni tra cui scegliere. La chiave, che rappresenta anche la tendenza attuale, è quella di individuare la cucina perfetta in un equilibrio tra funzionalità ed estetica. Una delle scelte più importanti da fare è quale tipo di layout scegliere. Ci sono solo una manciata di layout di cucina archetipici, ma ci sono molti modi per unire questi layout o modificarli in base alle proprie esigenze. Uno dei concetti di design della cucina più noti è il “triangolo di lavoro” e anche in questo senso il design delle cucine moderne punta sempre ad una capacità d’uso ottimale. Per quanto riguarda le finiture, si punta ad una combinazione di praticità e bellezza. La maggior parte delle persone ha una buona idea di ciò che vuole in queste aree, ma una cucina che possa racchiudere tutte queste necessità è l’obiettivo dei maggiori produttori presenti sul mercato.

Attualmente ci sono cucine moderne di design con materiali sempre più verso l’industrial, con tonalità fredde e della pietra. Un esempio è dato dalla scelta utilizzata dalla Fusion Kitchen di Lago, cucina imponente con soluzione modulare. Base in legno, blocchi di marmo con sospensione su vetro extrachiaro temperato. La tendenza è quella di affidarsi comunque a soluzioni innovative per garantire prestazioni valide. La scelta dei produttori è quella di avere materiali che possano conciliare l’estetica e l’efficacia. Negli ultimi tempi i modelli di piano cucina puntano all’agglomerato di quarzo (Okite), alla pietra sinterizzata (Dekton e Lapitec) e all’acrilico (Solid Surface, Betacryl). Davvero interessante la scelta di Dada, con VVD, cucina componibile del designer Vincent Van Duysen. L’intelaiatura di sostegno, in metallo, definisce basi, pensili, colonne e accessori. I volumi pieni e vuoti si alternano e movimentano la cucina che prevede anche l’aggiunta di piani snack e soluzioni studiate per rendere più funzionali e confortevoli la zona lavaggio e quella cottura. Sempre Dada, propone anche Hi-Line 6 Frame Door con telaio in alluminio titan e peltro.

Modulnova offre una lettura moderna della cucina nel design del progetto Blade: legno (rovere fumo, scuro e intenso) come materiale fondamentale per basi, fianchi e top; pietra savoia antracite per l’inserto monoblocco che ingloba piano cottura e lavello integrato. Punta invece alla semplicità e alla geometria fondamentale ErnestoMeda. Il suo progetto One azzarda un azzeccatissimo abbinamento marmo carrara e bianco lucido, una rivisitazione classica che vede anche l’utilizzo del rovere Imperial per il piano della penisola. Insomma, siamo lontani dal concetto di cucina inteso come spazio solo ed esclusivamente dedicato alla cottura. È indiscutibilmente il cuore della casa, la cucina, oggi. Ed è la stanza in cui probabilmente si trascorre più tempo.

You Might Also Like